RSS

Pagnotta di pane di pere cotte in camicia

Risultati immagini per Plumcake pere e cioccolato


La stagione delle vacanze è arrivata, con le luci accese e le campane tintinnanti. Si trascorreranno i prossimi giorni visitando la famiglia, godendosi il cibo e passando il tempo nella reciproca compagnia. È meraviglioso allontanarsi dalla routine quotidiana per un po', per rinfrescarsi e rilassarsi con delle presenze familiari. Tuttavia, l'eccitazione delle festività natalizie è nell'aria, in televisione, nei negozi e sui volti delle persone per strada, il che mantiene alta l'energia.
Non sono ancora riuscito a catturare appieno lo spirito vacanziero, ma immagino che passare più tempo in cucina a preparare un classico delle vacanze natalizie renderà più facile ritrovare il giusto spirito.
Per preparare il plumcake pere e cioccolato iniziate a tritare grossolanamente il cioccolato fondente con un coltello, poi trasferitelo in una bastardella posta all’interno di un tegame con l’acqua, per la cottura a bagnomaria (l'acqua dovrà arrivare a sfiorare il fondo del pentolino in cui avete inserito il cioccolato). Sciogliete il cioccolato a fuoco moderato finché non risulterà una salsa densa, poi lasciate intiepidire. Intanto proseguite con la preparazione.
In una ciotola setacciate la farina tipo 00, il cacao amaro e il lievito chimico per dolci, aiutandovi con il dorso di un cucchiaino.
Mescolate le polveri per amalgamarle. In un’altra ciotola a parte ponete i pezzetti di burro ammorbidito, lo zucchero semolato, il miele e i semi estratti dalla bacca di vaniglia. Montate il composto con le fruste elettriche fino a quando non risulterà chiaro e spumoso poi incorporate anche le uova, continuando a montare con le fruste. Per ultimo versate il cioccolato precedentemente fuso. Ora unite al composto anche le polveri setacciate poco alla volta con un cucchiaio, senza smettere di montare con le fruste elettriche.
Per finire versate a filo il latte a temperatura ambiente e continuate a mescolare fin a quando non otterrete un composto omogeneo. Sbucciate le pere avendo cura di mantenere il picciolo, poi pareggiate con un coltello la parte inferiore.
Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake di 27x11 cm con un bordo alto 8 cm, di 1,5 lt di capacità (in alternativa potete imburrarlo e poi foderare il fondo e i bordo con la carta da forno). Si consiglia uno stampo apribile che permetterà di sformare il dolce più facilmente. Distribuite uno strato di impasto all’interno dello stampo, poi adagiate le pere sbucciate in modo che stiano in posizione verticale, con il picciolo rivolto verso l’alto trasferite il resto del composto in una sac-à-poche e terminate di riempire lo stampo distribuendo l’impasto tutto intorno alle pere, fino a ricoprire completamente, lasciando fuori solo i piccioli. Cuocete la torta in forno statico preriscaldato a 170° per 75 minuti, se durante la cottura il plumcake dovesse scurirsi eccessivamente copritelo con della carta di alluminio e proseguite la cottura in questo modo. A cottura ultimata sfornate il plumcake pere e cioccolato e lasciatelo raffreddare, poi sformatelo (23) e spolverizzate la superficie con lo zucchero a velo. Il plumcake pere e cioccolato cake è pronto per essere gustato!

Conservazione

Si può conservare il plumcake pere e cioccolato cake per 2-3 giorni sotto una campana di vetro. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

I più golosi possono accompagnare il plumcake pere e cioccolato con ciuffi di panna montata o gelato alla crema!

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Biscotti al cioccolato alla menta piperita

Chocolate peppermint cookies



Il tempo scorre veloce, specie in questi giorni di dicembre, in attesa del giorno di natale.
Il calendario è sempre pieno, ci si deve districare tra gli eventi e le commissioni che vengono scritti a volte uno sopra l'altro a matita sul calendario. Con lo shopping da completare e gli amici da incontrare, le festività natalizie passano molto velocemente. Come si può stare dietro a tutti gli impegni senza esserne sopraffatto?
Una delle mie tradizioni per le vacanze natalizie è la preparazione e decorazione dei biscotti delle feste. Ogni anno non vedo l'ora di mettere su una maratona di film durante le vacanze e passare del tempo in cucina a fare qualcosa che mi diverte.
Quest'anno sepolto da una pila di bozze di ricette, ho trovato una ricetta tanto amata da piccolo, quanto dimenticata, per i biscotti con doppio cioccolato. Ho rivestito i biscotti con una glassa al cioccolato e bastoncini di zucchero schiacciato. Per soddisfare i gusti di tutti, vi consiglio di sentirvi liberi di lasciare le scaglie di cioccolato nella pastella per un sapore meno intenso di cioccolato, o aggiungere un pizzico di estratto di menta piperita alla pastella per aumentare il sapore del bastoncino di zucchero. In ogni caso, è difficile sbagliare con questa ricetta.
I biscotti al cioccolato alla menta piperita sono una delizia stagionale. Questi biscotti sono perfetti per gli scambi di biscotti, quando si ospitano gli amici per bere un te insieme durante le vacanze o per essere immersi in un bicchiere di latte.

35 g di caramelle alla menta piperita (oppure di candy canes, i bastoncini di natale)
  • 115 g di burro, ammorbidito a temperatura ambiente
  • 150 g di zucchero
  • 1 uovo
  • 170 g di farina 00
  • 30 g di cacao amaro
  • un pizzico di sale
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato di soda
  • 1/4 di un cucchiaino di lievito per dolci
  • 80 g di cioccolato fondente, tagliato a cubetti
per 12-18 biscotti
Scaldate il forno a 180°C. Mettete i candy canes o le caramelle alla menta piperita dentro un sacchetto di plastica e usando un mattarello o martello schiacciate caramelle per ridurle quasi in polvere; mettete da parte.
Sbattete insieme il burro con lo zucchero per circa 1 minuto, fino ad ottenere un composto cremoso e soffice. Unite l’uovo e continuate a sbattere per un minuto.
Setacciate insieme la farina, il cacao, il sale, il bicarbonato e il lievito, quindi unite questo composto al composto di burro e uova. Mescolate bene. Aggiungere i cubetti di cioccolato e metà della polvere di caramelle (tenete da parte l’altra metà per la decorazione).Coprite con pellicola e fate raffreddare l’impasto nel frigorifero per circa 30 minuti (oppure nel freezer per 10 minuti).
Usando un cucchiaio o dosatore del gelato, formate delle palline di impasto (circa 4-5 cm di diametro). Sistemate le palline (ad almeno 7 cm di distanza l’una dall’altra) su una teglia foderata di carta forno.
Infornate a 180°C per circa 10 minuti, finché i biscotti si rassodano sui bordi, ma sono ancora morbidi al centro. Non cuoceteli troppo. Appena sfornati, spolverizzate i biscotti con la polvere di caramelle. Lasciateli raffreddare per qualche minuto sulla teglia prima di trasferirli su un piatto o una griglia per raffreddare completamente.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Gougère

Risultati immagini per Gougère

Un gougère, nella cucina francese, è una pasta choux al forno salata ed impastata con il formaggio. I formaggi comunemente utilizzati sono il groviera, il comté o l'emmental, ma esistono numerose varianti in cui vengono utilizzati altri formaggi o altri ingredienti.
Si dice che le origine dei gougères vadano cercate in Borgogna, e specificatamente a Sens. In Borgogna, i gougères vengono solitamente serviti freddi come accompagnamento per la degustazione del vino nelle cantine o caldi come antipasto.
I gougères possono essere realizzati nella forma di piccoli pasticcini di 3 o 4 centimetri di diametro; i gougères da aperitivo invece in dimensioni di 10 o 12 centimetri 10–12. A volte possono essere ripieni di ingredienti, come funghi, prosciutto o manzo.


  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Pasta choux

Risultati immagini per Pasta choux



La pasta choux (dal francese choux, "cavoli") è una pasta di gusto neutro molto usata in pasticceria e gastronomia. Una possibile etimologia del nome può essere la forma tonda, simile ad un cavolo verza, che assumono i gusci di bignè cotti. Sono infatti una delle applicazioni più comuni di pasta choux.
È composta di acqua, burro, poca farina e uova. Per la buona riuscita dei bignè è indispensabile usare una farina debole e quindi con una percentuale bassa di proteine (massimo 10%) perché il glutine conferisce elasticità all'impasto mentre i bignè devono risultare friabili e non gommosi.
Dapprima la farina viene lavorata a caldo in una pentola con acqua e/o latte, burro e sale; si può aggiungere anche dello zucchero che però non deve superare il 5% del peso della farina. Una volta freddato, il composto ottenuto viene montato con le uova in quantità necessaria a ottenere un composto denso e semi-lucido (l'eccessiva lucidità generalmente è indice che è stata inserita una quantità eccessiva di uovo) , quindi spremuto su una placca da forno in forme varie, con l'aiuto di una tasca da pasticcere. Cuoce in forno e per gonfiare bene necessita di uno shock termico iniziale per proseguire la cottura a una temperatura più bassa; cuocendo gonfia e diventa cava al suo interno. È anche vero però che cuocendo per più tempo a una temperatura costante di 180° si ottengono dei bignè più regolari nella forma e più adatti a dolci come la croquembouche. Si procede dunque a farcirla secondo necessità, per ricavarne bignè, zeppole, profiterole, paris brest. Più raramente viene fritta, come nel caso dei Sonhos portoghesi o delle zeppole di S.Giuseppe.
La pasta choux presenta una buona manovrabilità e può venire cotta in forme diverse. Grazie al gusto delicato si presta a venire farcita anche con ingredienti salati e per queste caratteristiche trova posto in modi diversi sia come stuzzichino che come antipasto.
Più raramente viene stesa a formare basi su cui poggiano altri ingredienti, come si farebbe con una sfoglia o a formare lo strato superiore di preparazioni complesse, in modo simile a quanto si farebbe con una meringa.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Stroopwafel

Risultati immagini per Stroopwafel



Lo stroopwafel (letteralmente "wafer allo sciroppo") è un tipico biscotto olandese composto di due sottili cialde tra le quali si spalma un tipo di sciroppo al caramello detto stroop oppure siroop. I primi vennero prodotti a Gouda, nei Paesi Bassi, nel 1784. In commercio esistono diverse versioni.

Ingredienti

L'impasto per le cialde è composto da farina, burro, zucchero di canna, lievito, latte e uova. Una palla di impasto di grandezza media viene messa sulla piastra per cialde. Quando la cialda è cotta, e mentre è ancora calda, viene tagliata a metà. Il ripieno caldo, composto da sciroppo, zucchero di canna, burro e cannella si amalgama fra le metà della gaufre mentre vengono unite insieme.

Storia

I primi stroopwafel sembrano essere stati prodotti fra la fine del XVIII secolo e l'inizio del XIX da un panettiere usando gli scarti del panificio, come briciole di pane, dolcificati con dello sciroppo. Una leggenda attribuisce l'invenzione degli stroopwafel al panettiere Gerard Kamphuisen, che li avrebbe preparati per la prima volta tra il 1810, anno di apertura del suo panificio, e il 1840, anno al quale risale la più antica ricetta. Nel XIX secolo, c'erano circa 100 panifici a Gouda che producevano queste cialde con lo sciroppo, unica città nella quale vennero prodotti fino al 1870. Dopo il 1870 loro erano anche prodotti alle feste e nei mercati fuori della città di Gouda. Nel XIX secolo, le industrie partirono a produrre stroopwafel. Nel 1960 c'erano 17 industrie solo a Gouda, di cui quattro sono ancora operative.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Vla

Risultati immagini per Vla (prodotto alimentare)


Il vla è un prodotto a base di latte tipico dei Paesi Bassi, prodotto con latte fresco e additivi che conferiscono al prodotto una viscosità simile a quella dello yogurt. Il sapore è simile a quello del budino, ma si presenta in forma liquida.
Tradizionalmente il vla viene preparato facendo cuocere il latte con custard (budino), oppure combinando uova, maizena e vaniglia. In entrambe le varianti viene aggiunto dello zucchero. Il vla venduto nei negozi è prodotto in genere con altri addensanti.
Oggi il vla è disponibile in vari gusti, come vaniglia, cioccolato, bianco, caramello e frutta (fragola, banana, pesca). Esiste anche una versione che contiene panna (slagroomvla), disponibile in vari gusti. La versione dubbelvla presenta due gusti nella stessa confezione.
In passato il vla era venduto in bottiglie di vetro e la consistenza del prodotto rendeva l'estrazione dalla bottiglia un'operazione abbastanza difficile. Per questo fu inventato un attrezzo speciale, il flessenschraper (grattabottiglia), o flessenlikker (leccabottiglia). Oggi il vla viene venduto in contenitori di tetrapak, ma questo attrezzo è ancora abbastanza comune nelle cucine delle famiglie olandesi.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Vlaai

Risultati immagini per Vlaai



Il vlaai, principalmente conosciuto come Limburgse vlaai, è un dolce tipico della cucina olandese simile ad una torta o una crostata, rispetto alle quali però è più sottile e più croccante.
Il vlaai ha solitamente un diametro di circa 27—30 centimetri. Veniva originariamente prodotto a Weert, Limburgo ed è quindi noto anche come Weertervlaai. Si tratta di un prodotto tipico delle regioni meridionali dei Paesi Bassi, ma oggi è generalmente disponibile in tutto il paese e persino in alcune zone del Belgio e della Germania vicino ai confini con i Paesi Bassi. È disponibile in molte diverse varietà di ripieni di frutta (ciliegia, albicocca, fragole, prugne, ecc.), con una crema a base di burro e zucchero ("greumellevlaai") e con crema pasticcera ("rijstevlaai").

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Poffertjes

Risultati immagini per Poffertjes


I poffertjes sono un dolce tradizionale olandese di pastella fatti con lievito e farina di grano saraceno e serviti con zucchero a velo e burro.
Esistono versioni industriali di questo dolce venduto nei supermercati olandesi (Albert Heijn, Dirk, C1000, Lidl e Jumbo) che li vendono già pronti, solo da scaldare nel forno a microonde.
I poffertjes sono conosciuti anche nella cucina indonesiana grazie agli storici legami che ha l'Indonesia come ex colonia. Si pensa che i poffertjes siano correlati e che abbiano influenzato il kue cubit indonesiano.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Torta Battenberg

Risultati immagini per Torta Battenberg


Battenberg o Battenburg è un pan di Spagna leggero con i pezzi ricoperti di marmellata. La torta è ricoperta di marzapane e, se tagliata in sezione trasversale , mostra un caratteristico motivo a scacchi a due colori alternativamente di colore rosa e giallo.
Il dolce viene preparato cuocendo separatamente un pan di spagna giallo e uno rosa, quindi tagliando e unendo i pezzi si crea un motivo a scacchi. La torta è tenuta insieme da una marmellata di albicocche e ricoperta di marzapane.

Origini

Mentre la torta ha origine in Inghilterra, le sue origini esatte non sono chiare, sono state trovate delle ricette antiche in cui si usano anche dei nomi alternativi come "Domino Cake" (ricetta di Agnes Bertha Marshall , 1898), "Roll Napoletano" (ricetta di Robert Wells , 1898), o "Torta della finestra della chiesa". La torta trae il suo nome in onore del matrimonio della principessa Vittoria , nipote della regina Vittoria , con il principe Luigi di Battenberg nel 1884. Il nome si riferisce alla città di Battenberg, Assia, nella Germania centrale ed è la sede della famiglia aristocratica nota in Gran Bretagna come Mountbatten.
Secondo l'Oxford Companion to Food , il nome "Battenberg cake" apparve per la prima volta in una stampa del 1903. Tuttavia, una "torta di Battenburg" apparve in: Frederick Vine, Salable Shop Goods per Counter-Tray e Window ... (Londra, Inghilterra: Office of the Baker and Confectioner, 1898).
Le pedine bianche e nere sui veicoli di emergenza nel Regno Unito vengono ufficialmente indicate come segni di Battenberg a causa della loro somiglianza con il modello a scacchi della torta Battenberg.

Variazione americana

Negli Stati Uniti, c'è una confezione correlata chiamata torta a scacchiera perché, come con una torta Battenberg, quando viene tagliata e aperta, somiglia alla tavola del gioco, conosciuta negli Stati Uniti come "dama", che viene giocata su una "scacchiera". Una tipica torta a scacchiera è quella che si alterna tra la vaniglia e il pan di spagna al cioccolato e ha una ricca glassa al burro al burro . A differenza del British Battenberg, non utilizza in genere il marzapane ma utilizza uno speciale piatto a forma di molla per ottenere l'effetto desiderato.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Torta d'angelo

Risultati immagini per Torta angel


La torta d'angelo è un tipo di dessert a base di pan di spagna stratificato, che trova le sue origini nel Regno Unito, è diventata famosa alla fine del XIX° secolo.
Realizzata con burro, zucchero semolato, uova, estratto di vaniglia, farina autofecondante, lievito e colorante alimentare rosso e giallo, si compone di due o tre strati di pan di spagna dolce spesso colorato di bianco, rosa e giallo con un sottile strato di crema bianca. Tradizionalmente è venduto sia in barre lunghe che in piccole fette.
La torta ha vinto molti premi, in particolare per la "Torta inglese dell'anno" nel 1986. La torta più grande registrata era di 1 metro di lunghezza e 50 centimetri di larghezza, è stata preparata nella città inglese di Bakewell.


















  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Torta Banbury

Risultati immagini per Torta Banbury


Una torta Banbury è una torta di pasta speziata, ripiena, piatta simile a una Eccles, sebbene abbia una forma più ovale. Una volta era prodotta e venduta esclusivamente a Banbury, in Inghilterra, le torte di Banbury sono state prodotte nella regione con ricette segrete sin dal 1586 e a tutt'oggi vengono ancora prodotte lì. Un tempo le torte venivano inviate in Australia, nelle Indie orientali e in America, normalmente in cestini di vimini fatti a mano.
Le torte di Banbury furono prodotte per la prima volta da Edward Welchman, il cui negozio era in Parsons Street. Le prime ricette documentate furono pubblicate da Gervase Markham (in The English Huswife , 1615, pagine 75-76) nel XVII° secolo. Queste ricette generalmente differiscono notevolmente dalla ricetta moderna di una torta Banbury, in termini di dimensioni, natura della pasta e come viene cotta la torta. Alla fine del XIX° secolo, le famigerate sale di ristoro della stazione ferroviaria di Swindon vendevano "dolci di Banbury e torte di maiale (ovviamente stantie)". La regina Vittoria veniva omaggiata con dolci Banbury nel suo viaggio annuale da Osborne a Balmoral, ogni agosto.
Oltre al ribes, il ripieno include tipicamente buccia mista, zucchero di canna, acqua di rose, rum e noce moscata. Le torte di Banbury sono tradizionalmente gustate con il tè del pomeriggio.


  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

Île flottante

Risultati immagini per Île flottante


Île flottante (tradotto in italiano "isola galleggiante") è un dessert della cucina francese. Sebbene sia ignota l'origine precisa della ricetta, è molto diffusa in tutto il territorio francese, ed è comunemente reperibile in molti bistrò, dove è chiamata anche œufs à la neige (uova alla neve) e viene consumata sia come dolce dopo un pasto, che da sola come colazione o merenda.

Caratteristiche

Consiste in una quenelle di albume e zucchero scottata brevemente in acqua bollente (una specie di meringa soffice) e poi posta a "galleggiare" su una base di crema inglese. Le due parti sono preparate separatamente, e unite al momento del servizio; il tutto viene poi condito con caramello e granella di mandorle tostate.
Può essere servita fredda o a temperatura ambiente.

Varianti

Tra le varianti esistenti, vi è la cottura della meringa in forno invece che in acqua, l'uso della crema alla vaniglia invece della crema inglese o la decorazioni con frutta secca caramellata. Sebbene la crema sia di solito leggera e liquida, a volte viene sostituita con una crema pasticcera più densa usata per coprire la meringa. Ne esistono versioni anche senza uova, realizzate con preparati industriali per meringhe vegane.
Si tratta di un dessert relativamente leggero e moderatamente dolce, tanto che se preparato con le dovute accortezze può essere consumato anche da persone che soffrono di diabete o problemi cardiaci.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS